Ci sono molte discussioni in rete sul significato e sul re-design delle copertine di libri digitali. La cover di un ebook, oggi, è in genere l’immagine della copertina del libro di carta o – nel caso questo non esista – una copertina che assomiglia a quelle dei libri di carta con una maggiore enfasi dei font perché sia possibile vedere bene il titolo e l’autore anche in formato icona. A queste si aggiungono cover “animate” in formati proprietari, come alcuni ebook in formato .ibooks che – se aperti – fanno partire in automatico un filmato, la cui validità progettuale lascio giudicare al lettore.

In questo video presentiamo invece una cover a cui stiamo lavorando, in formato ePub2. Si tratta di una immagine in formato vettoriale, in cui gli elementi informativi della copertina diventano anche elementi di navigazione dell’ebook.
La scelta del vettoriale ha alcuni vantaggi: in una realtà in cui la densità in pixel dello schermo dei device di lettura aumenta man mano che passano i mesi, ragionare in pixel obbliga ad un aumento sistematico del peso in kilobyte della copertina e ad un rapido invecchiamento delle stesse immagini che risulteranno sgranate o rimpicciolite su device con maggiore densità di Pixel.
La cover vettoriale è invece disegnata sul momento, e si adatta alle dimensioni dello schermo e alle sue caratteristiche in ppi. Non apparirà mai sgranata a qualunque dimensione possa essere letta e il suo peso in kilobyte potrà essere maggiormente contenuto.
Il secondo vantaggio è quello che si vede nel video: gli elementi che compongono la cover sono interattivi, in questo caso ipertestuali: toccando il titolo inizio a leggere l’ebook, toccando il nome dell’autore leggo la sua biografia e così via.
La cover smette di essere un semplice oggetto di confezionamento, ma assume altri significati. In questo caso diventa un menu di navigazione interna.
È questo il futuro delle copertine? Probabilmente è in atto un ripensamento della funzione della prima pagina, e vedremo nell’immediato futuro sempre nuove idee e soluzioni. Quella che si vede nel video è solo una delle tante, che ha il pregio di usare formati aperti ed essere già funzionante con i lettori ebook contemporanei.

Di come si possano programmare cover come queste (scrivendo codice XML in svg) parleremo ovviamente nel corso di editoria digitale in partenza a Genova fra qualche settimana.

Advertisements