Sono stato, con Quintadicopertina, al salone del libro. Si è parlato di narrativa digitale, romanzi aumentati e diminuiti. Abbiamo provato di nuovo a vendere ebook, ne parla qua Maria Cecilia. Sono sopravvissuto.
Ho iniziato a leggere con Kobo Aura (qua trovate una mia recensione del Kobo Glo e qua alcuni appunti sul maledetto formato kepub), e con il Kobo ho iniziato a leggere i testi con testo latino a fronte della nuova collana classici della Utet, qua una mia recensione del testo di Sallustio.
È terminato il corso di formazione di progettazione ebook che ho tenuto nel nord-est milanese, uno dei migliori avuti in questi ultimi anni, presso una tipografia molto attenta al digitale. Impostare un corso di formazione adattato alle esigenze pratiche di una azienda, arrivando a lavorare su progettazione ebook complessi via XQuery, Python e regex, è appagante per tutti i partecipanti. Al momento ho attivo un corso presso il Pia Marta per la Cattolica e uno base per la biblioteca di Cologno Monzese. Tra XML e filiera digitale si continua una alfabetizzazione informatico/letteraria e – notizia – le case editrici iniziano a essere interessate a stage dedicati alla produzione digitale.

Importante: è uscito un ebook prodotto da Quintadicopertina per la Pubblica Amministrazione, Il ciclo della performance nei comuni. È uno dei testi più complessi a cui abbiamo lavorato e un esempio di come progettare le informazioni della PA in modo che siano effettivamente accessibili e utilizzabili in digitale. Lo potete scaricare gratuitamente da questa pagina.

Ho poi letto poesie di Massimo Drago, in un bellissimo pomeriggio, circondato dalle voci più belle che ci siano a Genova. In fondo siamo questo, l’aria che inspiriamo, la voce che facciamo uscire, i gesti, le parole.  La fatica. Mentre ero sugli scalini ad ascoltare i poeti che leggevano, ognuno a suo modo, le poesie di Massimo, lo vedevo apparire invisibile in quel posto, ogni poeta ne riportava un pezzo in piazza. Un Ser Blacatz a rovescio, dove ogni poeta vomitava fuori una parte toccata dai versi per ricreare il corpus delle poesie di Drago. Alla fine siamo stati spettatori anche noi con i fogli in mano.

Annunci