“Locusta Temporis”, il romanzo/gioco di Enrico Colombini, è diventato anche una applicazione per iPhone e iPod. Sarà in offerta a 0.79 euro per tutte le feste, quindi vi consiglio, se volete scoprire un modo diverso di leggere e giocare, di prenderlo.
Ma cosa è Locusta?
È un romanzo che inizia e si ferma subito. Alla prima pagina. In Locusta non si gira mai pagina, ma in ogni pagina c’è almeno un elemento (una parola, una frase) che si può toccare. Toccandolo la storia sposta il focus sulla cosa toccata, e prosegue. Di un’altra pagina.
Non è un fatto meccanico: le cose che tocchiamo impattano lo svolgimento della storia: dovremo esplorare gli ambienti in cui siamo, parlare con i personaggi del romanzo, capire in che maniera far progredire (positivamente) l’avventura vissuta dai protagonisti.
Si entra nella storia toccandola, letteralmente, e questa manipolazione del lettore cambia la storia e la successione degli eventi.
Si parla molto di enhanced ebook, anche a sproposito. Enhanced significa “migliorato”, in italiano spesso si parla di ebook “arricchito”. Sono entrambi termini ambigui e grigi, non fosse altro perché quando si migliora qualcosa si lavora sulla qualità a scapito di qualcosa che evidentemente si reputa peggiore.
Non posso pensare che un libro sia qualcosa di peggiore per il fatto di essere un libro normale.
Preferisco pensare a un enhanced ebook come qualcosa di diverso, rispetto ad una lettura lineare, qualcosa che ha tempi e linguaggi autonomi.
Questo elegante lavoro di Colombini è un esempio pratico di questa idea di enhanced ebook. Un gioco che mette il romanzo e la sua parola al centro del suo svolgimento.
Alcune persone che hanno preso Locusta Temporis per il loro iPhone, mi hanno scritto sui social: non pensavo che si potesse giocare così, solo con le parole.
Ecco, a volte è bene tornare a meravigliarsi di quello che possono fare solo le parole, quando si animano e si mettono a fare cose.

Annunci