Sto partecipando ad un Round Robin di ambientazione “casa maledetta” assieme a gente che non conosco, la cosa è abbastanza divertente se uno gli piace scrivere. Il tutto è organizzato dalle strategie evolutive di Davide Mana. Ieri ho scritto il mio pezzo che si chiama Bell.
Ho scritto anche un racconto della serie di “io e ce” per Tevac, che parla di mio figlio e della programmazione e ho avuto la sorpresa piacevole sentirne l’incipit letto su Digitalia#97. Molto bello, grazie.
Sempre questo mese è apparso su Chicago Reviews un articolo che parla del lavoro di scrittura collettiva fatto dal sottoscritto con Donald Datti, Gabriele Pipia e Gianluca Seimandi come bib(h)icante. Cool.
Infine ieri sera ho per la prima volta partecipato a una specie di certamen poetico via facebook, qua potete leggere tutte le composizioni che hanno partecipato, su “la punta della lingua”. 40 minuti con primo e ultimo verso obbligatori, i risultati sono molto interessanti.
Basta.

Annunci